Ogni fotografo ti dirà che tutti hanno commesso gli stessi errori da principianti, quindi non disperarti. Ecco alcuni errori molto comuni che qualsiasi fotografo ha commesso almeno una volta nella sua vita, impara ad evitarli e migliorerai le tue fotografie

Entra nel Nostro Gruppo su Facebook

Se vuoi migliorarti ricevere aiuto, pareri o consigli sulla Fotografia e sul mondo dei Social, ti consiglio di entrare nel NOSTRO GRUPPO FACEBOOK così da poter leggere le nostre guide ed apprendere trucchi e segreti di questo Mondo

1 Perdere la messa a fuoco

Se utilizzi l’autofocus e fai scegliere alla fotocamera i punti di messa a fuoco, è molto probabile che metterà a fuoco sulla parte sbagliata dell’immagine, specialmente quando usi una profondità di campo ridotta. Quando fai una foto fuori fuoco è praticamente impossibile riparare al danno, quindi assicurati di avere sempre il soggetto principale non sfuocato. Per fortuna la maggior parte delle fotocamere permettono di scegliere un punto specifico dove impostare la messa a fuoco, così da non rimanere delusi del risultato finale.

2. Foto mosse

Se le tue foto risultano mosse o leggermente sfocate e non sei sicuro del perché, è probabile che tu stia utilizzando una velocità dell’otturatore troppo bassa. In questi casi il minimo tremolio della fotocamera può ridurre la nitidezza dell’immagine e restituire una foto mossa e poco dettagliata. Una regola generale per evitare ciò è usare una velocità dell’otturatore che sia almeno equivalente alla lunghezza focale dell’obiettivo che si sta utilizzando.

Ad esempio, se si utilizza un obiettivo da 50 mm su una fotocamera fullframe, la velocità dell’otturatore più bassa che è possibile utilizzare senza avere il micromosso è 1/50 di secondo. Questo diventa 1/85 di secondo su una fotocamera con sensore APS-C, poiché la lunghezza focale effettiva dell’obiettivo viene moltiplicata per 1,5. Tutto ciò diventa superabile con l’utilizzo di un treppiede o di un obiettivo stabilizzato.

3. Scattare solo in JPEG

Il formato RAW racchiude in sé la massima quantità di informazione e mediante una corretta post-produzione garantisce un’impareggiabile ricchezza di dettagli mentre il formato JPEG è molto leggero, versatile e già “pronto all’uso”. 
Non esiste quindi un formato migliore in assoluto, ma possiamo scegliere il formato più adatto in funzione delle nostre esigenze. Le fotocamere di oggi permettono di scattare in RAW e JPEG contemporaneamente, quindi ci ritroveremo due file invece di uno così possiamo scegliere se utilizzare il JPEG apportando lievi modifiche oppure concentrarci sul RAW e personalizzare l’immagine a nostro piacimento.

4. Inserire tutto nella foto

Il troppo stroppia si sa. Quando ti trovi davanti ad uno scenario da fotografare, non puoi includere tutto ciò che vedi, ma devi pensare a ciò che ti ha colpito realmente di quella scena ed includerlo nella fotografia insieme ad altri elementi, senza esagerare. Cambia diverse angolazioni, gioca con l’altezza, la simmetria e la profondità, otterrai dei risultati totalmente diversi, ognuno ti stupirà a suo modo.

Esistono moltissime regole sulla composizione, ma ricordiamoci che la fotografia è un’arte, quindi la creatività e l’estro devono farla da padrona. Non impuntarti su delle tecniche precise ma piuttosto sperimenta, scattando molte foto e soprattutto divertendoti

5. I colori sono troppo forti o non realistici

I colori non realistici e forti sono spesso una scelta creativa fantastica. Tuttavia è totalmente evidente, quando è fatto di proposito grazie all’esperienza, e quando è fatto a causa della mancanza di conoscenza nella gestione del colore.

Per evitare ciò la prima cosa di cui hai bisogno è un buon monitor (Clicca qui per leggere la recensione di quello che ho provato io). Spesso una foto ci può sembrare stupenda sul nostro monitor ma appena la guardiamo da un altro dispositivo perde tutta la sua bellezza. Questo perché il nostro schermo non è tarato alla perfezione oppure non è in grado di restituire i colori realisticamente

Invece di aumentare il cursore di saturazione o quello della nitidezza, scatta immagini in cui i colori naturali nella scena sono già forti. Trova un soggetto di colore brillante circondato da toni tenui, evita di scattare nelle ore centrali del giorno per lasciare che i colori acquistino forza. Anche qui vale la stessa regola, sperimenta e divertiti

6. Nessun soggetto

Fotografare un particolare momento per riviverlo negli anni a venire è qualcosa di stupendo, ricordati però che ci deve essere un soggetto principale all’interno della tua foto. Perchè la fotografia è la fusione di forma e contenuto. Se riesci a mescolare una bella immagine con un soggetto interessante, hai fatto centro. Se invece non hai idee su cosa fotografare o come costruire una foto, prendi spunto da Internet oppure lasciati inspirare dal mio Feed di Instagram.

7. Pensare che l’attrezzatura fotografica più costosa possa renderti un fotografo migliore

Questo è un errore da principiante che non solo non aiuta a sviluppare le tue capacità fotografiche, ma danneggia anche il tuo portafoglio! È piuttosto normale che chi fotografa desideri acquistare le fotocamere migliori sul mercato, ma se stai cercando una nuova fotocamera, non puntare al top di gamma ma cerca qualcosa di più economico per iniziare. Piuttosto investi qualche risparmio in più su un ottimo obiettivo.

Le fotocamere più costose e con caratteristiche straordinarie hanno innumerevoli vantaggi rispetto a quelle da principianti ed è per questo che molti professionisti usano fotocamere come la Canon 1DX Mark II , la Sony a7R III , la Nikon D850 , ecc. Tuttavia, questi benefici richiedono conoscenze e competenze avanzate per l’utilizzo completo della macchina, rendendo le fotocamere entry level più adatte per i fotografi alle prime armi. Io ho iniziato con la mia stupenda Nikon D5200, per poi passare alla D610, con la quale non mi sono trovato bene per diversi motivi e infine passare alle Fujifilm X-T2, con la quale ho trovato un feeling incredibile.

[amazon table=”6656″]

La maggior parte delle fotocamere DSLR entry level e mirrorless vengono vendute in kit con un obiettivo, solitamente un 18-55, ideale per l’apprendimento. Sebbene la maggior parte dei fotografi decida di investire in obiettivi aggiuntivi è sempre meglio iniziare utilizzando quello, per poi cambiare, solamente quando si decide che cosa fotografare. 

Un consiglio che posso darti è quello di investire soprattutto nella tua formazione, sperimentando ed imparando per aumentare le tue capacità fotografiche. Se ritieni che le tue foto siano sfocate, scure o sovraesposte, non hai bisogno di una nuova fotocamera per risolvere questi problemi, ma devi solo migliorare le tue conoscenze sull’esposizione.

[amazon table=”6657″]

In questa guida ti ho detto quali sono secondo me gli errori più comuni tra i fotografi e come cercare di evitarli. Se ne conosci altri, ti invito a scriverli qua nei commenti

Facci sapere se questa guida ti è piaciuta condividendola con i tuoi amici e lasciando un mi piace sulla nostra pagina Facebook.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.