Sarà l’evento novità assoluta di questo anno solare 2018, definito dagli addetti ai lavori e dagli organizzatori come l’evento che porterà una novità assoluta ed un cambiamento radicale nelle sfide tra barbieri. Si tratta del Barber in the cage ed è infatti una vera e propria sfida tra barbieri provenienti dal territorio nazionale e non, questi si sfideranno all’interno di una gabbia da combattimento di forma ottagonale, le sfide saranno faccia a faccia tra due barbieri per volta, con il loro modello davanti e costantemente valutati da una giuria posta sotto il ‘ring’ composta da personalità molto importanti all’interno del panorama  della barberia.

 

I Giudici

Saranno infatti presenti ad assolvere a questo compito Celso Barbeiro (dal Portogallo), Gianni il Barbiere, Hiro Vitanza, Javier Chacon Perez (Spagna), Simone Boscolo Cegion e infine dall’Olanda ci sarà Robert-Jan Rietveld (co-fondatore della famosa barberia Shorem e del marchio Reuzel). Oltre alla giuria, in pieno stile dei combattimenti ci saranno all’interno del ring degli arbitri (referee), tra questi uno viene dalla Sardegna si tratta di Simone Piu. Simone è un barbiere di terza generazione, inizia il suo percorso nella barberia del padre (il Salone Piu di Olbia che descriveremo dopo) dopo aver conseguito il diploma. Barbiere votato sopratutto allo stile ‘Old School‘ e alla barba classica ‘total shave‘. Ha vinto il primo premio nella categoria barba all’International Barber Convention. Personalità importanti dunque per il ruolo di arbitri scelti dal team Scarecrow (organizzatori dell’evento al pala Vismara di Milano).

Come detto, l’evento avrà come fulcro ricordare i combattimenti infatti ogni barbiere avrà un suo team con una propria divisa, entreranno sul ring accompagnati da un gioco di luci e da un sottofondo musicale scelto dal barber per ogni team. Si tratta di sfide faccia a faccia per due barbieri alla volta.

Organizzazione delle sfide

I partecipanti totali saranno 64, si sfideranno nelle discipline di taglio all’italiana e razor fade. I partecipanti, saranno inizialmente divisi in quattro gruppi per 16 partecipanti ciascuno, da ogni gruppo usciranno vincitori 3 barbieri che accederanno alla fase finale. A questi verranno accorpati 4 sfidanti ”black” uno da ogni gruppo, questi verranno infatti inseriti in una competizione misteriosa dalla quale usciranno due vincitori, questi si uniranno agli altri formando così il gruppo dei 14 finalisti. Le fasi finali vedranno i barbieri rimasti in gara sfidarsi nel taglio razor fade, da queste sfide usciranno tre vincitori che faranno poi la finale. Il campione porterà nella propria barberia la cintura, da difendere poi l’anno successivo, in oltre ci sono 5000 euro in palio da utilizzare per attrezzature e prodotti.

 

Marco, dalla Sardegna alla caccia al titolo

Dalla Sardegna parteciperà un barbiere che tanto si sta facendo notare alle competizioni e agli eventi, si tratta di Marco Brungiu con il quale abbiamo fatto due chiacchiere. Marco è un ragazzo sardo di 26 anni che nonostante la giovane età vanta già 12 anni di esperienza nel settore della barberia. Inizia il suo percorso come molti aspiranti barbieri, lavorando in casa prima con la cerchia di amici e piano piano espandendosi, il tutto per tre anni sino a quando decide di lasciare la scuola per dedicarsi totalmente al mestiere vede però solamente porte chiuse in faccia non avendo qualifiche.

 

Arriva però la fiducia dal Salone Piu salone di Olbia che affonda le sue radici negli anni ’40, la miglior scuola possibile per Marco. Dal primo Martedì concessogli di prova sono ormai passati 9 anni, continua a lavorare in questo salone e allo stesso tempo partecipa costantemente a corsi che gli hanno permesso di migliorare le tecniche di taglio e rasatura. Marco è impegnato, in oltre, in tantissimi contest il primo a cui ha partecipato sempre ad Olbia, organizzato da Salvatore Giacomo Sechi (suo amico e collaboratore), si trattava del contest International beard & barber contest. Contest che Marco vinse, da li a poco è poi nata una collaborazione con Salvatore e il suo Brand di prodotti da barba e dreadlocks Hostis Humanis Generis Brand, (prodotti che tra l’altro recensiremo qua sul nostro portale). Nel 2017 a Settembre ha poi partecipato alla battle ”International Barber Convention” tenutasi a Roma nella quale ha vinto il primo premio per la categoria hair tattoo. Marco adesso aspetta solamente il 24 Giugno, il giorno nel quale inizierà l’evento a Milano (pala Vismara) parteciperà con un team formato da Salvatore e dal modello Simone, pronto a sfidare gli altri 63 barbieri. Noi gli facciamo il nostro più grande in bocca al lupo!

Per scoprire tutti i dettagli dell’evento vai sul loro SITO

 

Immagine in evidenza Antonio Cassaro

2 Commenti

    • Assolutamente un ottimo evento, un qualcosa che mancava nel panorama della competizione tra barbieri. Bella anche l’idea di coinvolgere personalità in giuria tanto diverse ma espertissime nel campo della barberia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.